Progettare una casa in legno

Versione stampabileInvia per e-mail

Progettare una casa in legno significa avere una buona base di conoscenza delle tecniche classiche di lavorazione del legno e inoltre una certa sensibilità verso i problemi energetici e di inquinamento del nostro Pianeta. Studio NEXT, leader nel settore della progettazione del legno, offre un servizio di progettazione che affianche chi (studi professionali o imprese) si vuole affacciare al sempre più fiorente mercato delle case in legno.

All'interno del nostro studio puoi trovare ingegneri strutturisti, termotecnici e architetti che possono guidarti e darti indicazioni sulle malizie delle costruzioni in legno, la carpenteria di fissaggio, le impermeabilizzazioni e i giusti materiali da utilizzare per costruire la casa in legno.

Progettare una casa in legno richiede uno studio preliminare del disegno architettonico dell'edificio, successivamente la realizzazioen di un file 3d con le indicazioni dei pannelli, analisi ad elementi finiti, definizione carpenteria e successivamente consegna di tutte le schede per il taglio macchina da forire direttamente al fornitore di legno di riferimento.

Nelle case in legno le pareti svolgono una duplice funzione: quella di portare i carichi verticali derivanti da solai o coperture di pertinenza e quella di resistere alle azioni dovute al vento o al terremoto che agiscono nel loro piano di lavoro. La casa in legno XLAM funziona così bene perchè la sua struttura scatolare la rende un elemento rigido in grado di resistere alle accelerazioni che la terra trasmette alle case. A questo punto è intuitivo capire l'importanza dei collegamenti della casa in legno che trasformano i singoli pannelli in legno in una struttura costituita da pareti e diaframmi orizzontali, scatolare e quindi molto rigida e resistente alle azioni orizzontali.

I collegamenti per la casa in legno sono fondamentalmente di 3 tipi:

  • Gli hold down che impediscono il ribaltamento delle pareti dovuto all'azione sismica orizzontale trasmessa dal solaio o dal tetto
  • Vincolo avvitato parete-cordolo che impedische lo scorrimento in orizzontale della parete. Questo vincolo viene realizzato collegando il cordolo in larice alla platea attraverso barre filettate e la parete al cordolo in larice attraverso viti autoforanti e autofilettanti.
  • Connessione tra parete e parete: ogni pannello deve esser collegato a quello a fianco, attraverso un giunto femmina-femmina all'interno del quale viene inserito una tavola in abete che, opportunamente fissata con chiodi o viti autofilettanti, crea una continuità tra parete e parete in legno.

Come tutti i sistemi di costruzione a secco, il lgeno richiede un grande lavoro di progettazione che Studio NEXT, in provincia di Brescia, è in grado di darvi con la miglior qualità.

CONTATTATECI via mail (info@studio-next.it) o via telefono ( +39 030 8983155)

 

Questi contenuti sono volutamente nascosti a chi non ha effettuato l'accesso al sito.

PROFILO FACEBOOK

Studio Next

Cod. Fisc. BRGCST81H15B157J - P.I. 03127280984

Sito realizzato daTrust On Web